Presepe Vivente a Montalbano nelle giornate del 20 e 30 dicembre

Nei giorni 20 e 30 dicembre 2017 nel borgo antico di Montalbano Jonico (ingresso Porta del Castello o Arco dell’Orologio) l’Assessorato alla Cultura dell’Amministrazione comunale, in collaborazione con la Biblioteca comunale ‘Rondinelli’, della Proloco, dell’associazione Oikos e della Protezione civile, oltre che di tanti singoli cittadini, presenta il Presepe Vivente 2017 in una forma rinnovata e innovativa già sperimentata con successo lo scorso anno. E’ quanto si legge in una nota diffusa dalla stessa Amministrazione comunale di Montalbano Jonico in cui si spiega che: “Sarà proposta la rappresentazione di quell’antico mondo simbolico che va oltre il tradizionale racconto della nascita di Gesù di Nazareth e che si estende all’intera vicenda umana attraverso una ricerca antropologica, filologica e fortemente ancorata alle tradizioni del territorio. La rappresentazione è realizzata da un gruppo di donne e uomini che vivono il contesto comunitario e che costituisce l’elemento caratterizzante di questa narrazione rispetto a quella presente in altri presepi.
Si tratta, dunque, di una vera operazione culturale, poiché – si evidenzia nella nota – la cultura non è concepibile senza il riferimento ad un luogo e ad un tempo e va contestualizzata. La partecipazione delle persone che rappresentano i personaggi è di natura spontanea e la realtà dei loro racconti è vera ricerca di una memoria smarrita. La finalità del progetto, scevro da perfezionismi teatrali, è di coinvolgere tutti nella memoria demoetnoantropologica. I partecipanti, infatti – conclude la nota – raccontano un territorio, offrendo cultura, ovvero creandola, tentando di conservarla e di renderla fruibile”

L’articolo Presepe Vivente a Montalbano nelle giornate del 20 e 30 dicembre proviene da Oltre Free Press – Quotidiano di Notizie Gratuite.

Fonte: http://www.oltrefreepress.com/category/cultura/basilicata-cultura/

Leggi l’articolo originale: Presepe Vivente a Montalbano nelle giornate del 20 e 30 dicembre

ln-logo

La città di Potenza nell'obbiettivo di Tancredi

POTENZA- Una mostra dedicata alla bellezza non sempre palese del nostro capoluogo Potentino. Si intitola “La Potenza della Luce” e ritrae la città in 24 scorci.  L’esposizione è stata allestita nel foyer del Teatro Stabile dove sarà possibile visitarla fino al 6 gennaio prossimo. L’evento che fa parte del “Natale in città” è patrocinato dal Comune di Potenza e dall’Apt Basilicata.

Fonte: http://www.nuovadelsud.it/cultura.html

Leggi l’articolo originale: La città di Potenza nell'obbiettivo di Tancredi

ln-logo

Riccardo Riccardi incontra Giuseppe Bianco (direttore del centro di geodesia spaziale di Matera) negli ipogei La Lopa

lo spazio

Giovedì 14 dicembre 2017 alle ore 18.30 negli Ipogei ”La Lopa” di Antonella Passione in via Bruno Buozzi 13 a Matera per la rassegna “ Aspettando il 2019 “Cronaca, Arte, Storia, Cultura, Politica “ , il giornalista Riccardo Riccardi conversa con il direttore del centro di geodesia spaziale di Matera, Giuseppe Bianco, sul tema: “Lo spazio nell’universo materano”. Ingresso libero.

Fonte: http://www.sassilive.it/matera/cultura-e-spettacoli/

Leggi l’articolo originale: Riccardo Riccardi incontra Giuseppe Bianco (direttore del centro di geodesia spaziale di Matera) negli ipogei La Lopa

ln-logo

Premio Siris 2017 a Nicola Lerra, cerimonia di premiazione a Nova Siri

nicola lerra

Un Premio Siris nel segno del nuovo. Sono almeno quattro gli elementi di novità che caratterizzeranno quest’anno la XVI edizione dell’evento di promozione della cultura lucana, come annuncia il Direttore Artistico del Premio Pasquale Chiurazzi. L’appuntamento è per le 20.30 del 16 dicembre presso l’Oratorio parrocchiale di Nova Siri Scalo.

Il primo e più importante elemento di novità riguarda l’origine del vincitore. Per la prima volta, infatti, il prestigioso premio sarà assegnato a una personalità di Nova Siri. Si tratta di Nicola Lerra, giovane compositore di fama internazionale. Dal primo anno di fondazione del Premio, il 1998, il riconoscimento era stato assegnato a grandi uomini della Basilicata (il professor Giovanni Caserta, Antonio Infantino, Raffaele Nigro, Antonio Preziosi e Gaetano Cappelli). Mai, però, era toccata a un novasirese. Gli straordinari successi del compositore Lerra hanno però ribaltato la tendenza.

Non è questo, come detto, il solo evento di novità. Il secondo riguarda proprio la natura del premio. Per la prima volta, a partire dal 1998, non sarà assegnata una produzione artistica del Maestro Giulio Orioli. Quest’anno, invece, sarà la volta di Aldo Gizzi e della sua “Maschera di Nova Siri”.

Dietro c’è un’interessante studio che richiama le radici locali. Si tratta, infatti, della riproduzione di una Antefissa della Gorgone ritrovata sul Tempio Arcaico di Siris e ora conservata presso il Museo della Siritide di Policoro. Quale modo migliore per richiamare il nome del premio?

Tra le novità anche la collaborazione organizzativa dell’evento, che vede l’Associazione Sud Gigi Giannotti, storica promotrice dell’evento, affiancata per la prima volta dalla Pro Loco di Nova Siri.

Un’ultima importante novità riguarda un altro significativo riconoscimento che sarà conferito nel corso della serata a ben 60 operatori del commercio e dell’artigianato di Nova Siri: quelli che hanno avuto attività sul territorio di durata almeno trentennale. Il Siris, così, diventa anche il luogo di un riconoscimento orgoglioso della storia della comunità.

Il premio, come è noto, si conferisce a personalità che “fermentano la vita culturale e civile della Basilicata e che […] abbiano portato la lucanità fuori dai confini regionali e nazionali”. E’ proprio il caso di Lerra, che il nome della Basilicata lo ha portato addirittura negli Stati Uniti. Di recente è stato infatti premiato dall’ Akademia Music Awards di Los Angeles per l’album del film “ In The name of a God “ , nel 2016 ha ricevuto un Hollywood Music Award per la colonna sonora “Believe”, tre Global Music Awards, un Los Angeles Cinefest awards, un Los Angeles Short awards, un Hollywood Boulevard Awards ed un Chandler International Film Awards, per la miglior colonna sonora dei film “My Grandfather was a Cherry Tree” e “ In The Name of a God”.

Le opere che gli hanno conferito notorietà sono “The New Era”, colonna sonora composta e dedicata al Final Trailer del celebre film targato Marvel “The Amazing Spider-man 2”, e quella composta per il cortometraggio di animazione “My grandfather was a cherry tree”, altro grande successo internazionale. Questa è stata la punta dell’iceberg, ma la pur breve carriera è già lastricata di altri grandi riconoscimenti e collaborazioni.

Il Premio Siris è patrocinato dalla Regione Basilicata, dal Comune di Nova Siri e dall’Unpli Basilicata.
SEGUE L’ALBO DEGLI STORICI VINCITORI DEL PREMIO

1998 GIOVANNI CASERTA;
1999 ULDERICO PESCE;
2000 LUIGI GUERRICCHIO;
2001 ANTONIO INFANTINO;
2002 RAFFAELE NIGRO;
2003 TRIO LA RICOTTA;
2004 ANTONIO LABATE;
2005 NICOLA MARIA PACE;
2006 VITO MARIA ACCARDO;
2008 FEDERICO VALICENTI;
2009 FRANCO SELVAGGI;
2010 ANTONIO PREZIOSI;
2011 GAETANO CAPPELLI;
2013 KRIKKA REGGAE;
2015 FONDAZIONE MATERA/BASILICATA 2019
2017 NICOLA LERRA

nicola lerra

Fonte: http://www.sassilive.it/matera/cultura-e-spettacoli/

Leggi l’articolo originale: Premio Siris 2017 a Nicola Lerra, cerimonia di premiazione a Nova Siri

ln-logo

Master universitari, approvato avviso pubblico per contributi

Proseguirà anche per il prossimo anno accademico il sostegno della Regione Basilicata a tutti gli studenti lucani interessati a frequentare master universitari di primo livello e master universitari di  secondo livello realizzati da Università italiane o estere pubbliche o private legalmente riconosciute. La Giunta regionale, infatti, su proposta dell’assessore regionale alla Formazione, Roberto Cifarelli, ha approvato  l’avviso pubblico per la concessione di contributi per la partecipazione a Master Universitari in Italia e all’estero per gli anni accademici 2016/2017 e 2017/2018”. La dotazione finanziaria complessiva messa a disposizione dalla Regione Basilicata, a valere sui fondi del Po Fse 2014/2020, ammonta a un milione e mezzo di euro.
“La Regione – spiega l’assessore Cifarelli – intende facilitare la partecipazione a corsi didattici di alto livello post laurea anche di coloro che vivono in difficili condizioni economiche attraverso la concessione di contributi ad intera o parziale copertura dei costi di  iscrizione e frequenza.  Inoltre, al fine di consentire di rimuovere gli ostacoli alla partecipazione delle persone residenti in località diverse da quella di svolgimento dei master universitari  abbiamo previsto  la concessione di contributi a parziale copertura delle spese di soggiorno, in rapporto al reddito familiare derivante dalla dichiarazione ISEE sempre concedendo contributi maggiori a coloro che hanno un reddito familiare più basso”.
L’avviso riguarda la partecipazione a master avviati per l’anno  accademico 2016/2017 che non si siano conclusi  con il conseguimento del titolo finale alla data di presentazione della domanda di partecipazione a valere sull’ Avviso Pubblico e a master per l’anno accademico  2017/2018,  già avviati o da avviarsi entro  il 28 febbraio  2018.

L’articolo Master universitari, approvato avviso pubblico per contributi proviene da Oltre Free Press – Quotidiano di Notizie Gratuite.

Fonte: http://www.oltrefreepress.com/category/cultura/basilicata-cultura/

Leggi l’articolo originale: Master universitari, approvato avviso pubblico per contributi

ln-logo

“Concerto di Natale” con la Polifonica “TotusTuus” a Matera nel Santuario di San Francesco di Paola

san francesco da paola

Domenica 17 dicembre alle ore 20 nel Santuario di San Francesco di Paola in via XX Settembre a Matera è in programma il “Concerto di Natale” con la Polifonica “TotusTuus”.

Programma
Tu scendi dalle stelle Sant’Alfonso Maria De Liguori
Quannnascette Ninno Sant’Alfonso Maria De Liguori
PuerNatus Adolfo Bossi
Carol of the beles Peter Wilholisky
Amazing Grace John Newton
Notte Santa Michele Francabandiera
Silent Night Franz Gruber
White Christmas Irving Berlin
Holy Night Adolphe Adam
Nobody Knows Tradizionale Americano
Go Tell it on tere mountain John Wesley Work
Joy to the world Isaac Watts
Hallelujah Georg F. Haendel

Dirige il coro il Maestro Cettina Urga. Al pianoforte il Maestro R. Claudio Ferrara

Fonte: http://www.sassilive.it/matera/cultura-e-spettacoli/

Leggi l’articolo originale: “Concerto di Natale” con la Polifonica “TotusTuus” a Matera nel Santuario di San Francesco di Paola

ln-logo

“Basilicata….si può fare”: a Potenza cerimonia di premiazione giovani eccellenze del territorio

basilicata si può fare

Una Basilicata ricca di eccellenze, positività, brillante e competente. Sono tantissime le professionalità che animano e popolano la nostra regione e che quotidianamente mietono successi e raggiungono traguardi che in altri contesti sarebbero considerati da “scienziati”. Con questo spirito l’Associazione di promozione sociale “Sinergie Lucane” e la Banca Monte Pruno promuovono l’evento “Basilicata….si può fare” con la premiazione di giovani eccellenze del territorio. La manifestazione si terrà giovedì 14 dicembre nella Sala “A.Lacava” del Museo Archeologico Provinciale, in Via Ciccotti a Potenza, a partire dalle 17:30. L’evento è patrocinato dalla Regione Basilicata, dalla Provincia di Potenza, dalla Provincia di Matera, dall’APT Basilicata e dall’Amministrazione Comunale di Potenza.
“E’ un riconoscimento ai giovani che hanno investito per rilanciare un tessuto umano e professionale, che sicuramente ha poco da invidiare a quello di altre regioni- spiega la Presidente di Sinergie Lucane, Paola Faggiano – un premio che investe i giovani professionisti di ulteriore responsabilità e positività rispetto al contesto in cui operano e producono.”
“Siamo orgogliosi di poter contribuire a dare visibilità e notorietà a tanti giovani lucani che sono riusciti ad emergere nei loro rispettivi settori- dichiara Michele Albanese, Direttore della Banca Monte Pruno – Non serve solo a loro, ma anche a chi può e vorrà seguire la stessa strada perché conoscere gli esempi positivi serve proprio a questo, a poter individuare delle ‘best practices’ da seguire per poter immaginare un percorso simile al vertice”.
Cinque le categorie individuate che saranno premiate: Imprenditoria (Ricerca e Sviluppo Start Up, Agroalimentare, Turismo), Medicina, Cultura (Letteratura, Musica, Teatro), Sociale e Volontariato e, infine, Sport. E’ prevista la consegna di altre targhe con menzioni al merito tra cui, per la categoria “Medicina”, quella in memoria del prof. Ignazio Olivieri luminare di fama internazionale della reumatologia, scomparso nei mesi scorsi.
Interverranno, con la Presidente di “Sinergie Lucane” Paola Faggiano ed il Direttore Generale della Banca Monte Pruno Michele Albanese, anche il Presidente della Giunta regionale Marcello Pittella, il Presidente della Provincia di Potenza Nicola Valluzzi, Francesco De Giacomo Presidente della Provincia di Matera, Enrico Spera Dirigente Ufficio Cultura e Biblioteca della Provincia di Potenza, Aurelio Pace Presidente Commissione regionale Lucani nel mondo, il Sindaco di Potenza Dario De Luca e don Franco Corbo, Presidente del Gruppo di Volontariato “Solidarietà – Adozioni Internazionali”. Modera l’incontro la giornalista Annamaria Sodano.
Nell’occasione sarà proiettato un video informativo a cura di “Sinergie Lucane” che illustrerà gli scopi dell’associazione e le numerose iniziative socio-cultuali messe in atto dal sodalizio dall’anno della sua fondazione, 2015, ad oggi.

basilicata si può fare

Fonte: http://www.sassilive.it/matera/cultura-e-spettacoli/

Leggi l’articolo originale: “Basilicata….si può fare”: a Potenza cerimonia di premiazione giovani eccellenze del territorio

ln-logo

CastroChristmas, a Castrocucco di Maratea aspettando il Capodanno di Rai Uno “L’anno che verrà”

castrocucco

 

Per ora è solo un video postato su facebook ma per i giovani e i residenti di Castrocucco di Maratea è più di un simbolo di orgoglio d’appartenenza alla comunità marateota e lucana. I ragazzi di Castrocucco, aspettando il Capodanno su Rai Uno con lo show L’anno che verrà hanno ideato una produzione video e lo slogan “CastroChristmas”-  Castrocucco duepuntozero l’unione fa la forza  Natale2017 . Per sugellare un impegno che duro tutto l’anno con iniziative soprattutto di pulizia dai rifiuti, di tutela ambientale, di impegno civile, l’inaugurazione  a Castrocucco di un artistico e colossale Presepe e gli addobbi realizzati con grande spirito di volontariato dai cittadini della frazione, a cui il sindaco di Maratea Domenico Cipolla ha espresso il ringraziamento per la straordinaria opera realizzata che secondo l’anima del Natale è sinonimo di comunità e partecipazione attiva. Nel presepe c’è pure la miniatura del palco del Capodanno Rai.

Per Biagio Salerno, presidente del Consorzio Turistico Maratea, e soprattutto cittadino di Castrocucco, sono queste iniziative genuine a garantire la più calda ospitalità a quanti verranno a Maratea per le festività natalizie e per l’Anno che verrà Rai.  Le nostre strutture – riferisce il presidente del Consorzio Biagio Salerno – continuano a ricevere decine di telefonate al giorno per informazioni e per prenotazioni. Ci chiedono sempre quali artisti ci saranno sul palco la notte del 31. Abbiamo alberghi per il periodo 20 dicembre-3 gennaio, ad oggi, già pieni al 60 per cento, in buona parte per le camere prenotate dallo staff tecnico, di produzione ed artisti Rai ma anche da turisti di ogni parte d’Italia. I primi arrivi del personale tecnico addetto al montaggio del palco sono già avvenuti e grazie al piano che abbiamo concordato tra albergatori e di intesa con l’Apt, oltre a tariffe standard sulla base della classificazione di ciascun albergo, siamo in grado ancora di offrire, sempre dal 20 dicembre al 3 gennaio, camere ad ospiti e famiglie garantendo tariffe standard senza alcun aumento. L’attenzione e l’impegno del Consorzio sono adesso rivolti al cartellone delle manifestazioni collaterali. L’obiettivo è di offrire a quanti decideranno di trascorrere giornate a Maratea sino al 6 gennaio 2018 numerose occasioni di divertimento, di cultura, con itinerari nei comuni vicini. Le associazioni culturali di Maratea sono state chiamate ad uno sforzo diretto per preparare piccoli eventi, ma servono anche concerti, spettacoli con artisti noti per dare maggiore spessore al cartellone “vacanze d’inverno a Maratea”. Siamo caricati e perciò decisi: la Basilicata – dice il presidente del Consorzio – sarà orgogliosa di Maratea per l’esclusiva ospitalità e grande capacità a marchio lucano e questi meravigliosi ragazzi e cittadini di Castrocucco lo stanno dimostrando.

 

Fonte: http://www.sassilive.it/matera/cultura-e-spettacoli/

Leggi l’articolo originale: CastroChristmas, a Castrocucco di Maratea aspettando il Capodanno di Rai Uno “L’anno che verrà”

ln-logo

O’ tiempo de ‘na vote

Con il passare del tempo sono sempre di meno le pubblicazioni di testi in forma dialettale, presentati in molte zone della penisola.
In questo articolo saranno analizzati le opere del prof. Luigi Vellucci, tarantino, che ha iniziato, con gran successo, la pubblicazione , a partire dal 1990, restando ligio a quella lingua madre che egli aveva appreso giocando nei vicoli del borgo.
Ad una creazione inizialmente in vernacolo, che è un voler scandagliare nella sfera dei ricordi, si sono succedute opere di narrativa e di poesie, in lingua italiana.
 “ ’A scogliera d’ore”,  “Tarde…A piccenna meje”, “Fantasia Tarantina”, “Natale de ‘na vote”, “Il braciere”, “Settimana d’amore (U trucculande)”, “Eleonora” e “Sulle ali del cuore”, “Io FedericoII”.
L’autore è sempre alla ricerca della parola giusta e ad effetto, che riesce a trovare, facilmente, da una lingua parlata, quella tarantina, non ricca di molti vocaboli, e collocare, al punto esatto, con facilità ed efficacia. E’ necessario ringraziare, più volte, gli studiosi dell’idioma per l’opera di ricerca, meritoria, che essi svolgono e per il messaggio che, alcuni di loro, portano nelle scuole.

Per scrivere in dialetto occorrerebbe pensare nello stesso modo e soprattutto avere una grammatica. La generazione degli anni quaranta, forse è quella che può ancora esprimersi nella lingua paterna. Dopo, i ricordi non prendono più forma e sono come la sabbia che, stretta tra le mani, sfugge. Non è un caso che i tempi “de ‘na vota” siano quelli sui quali si sofferma e scava, in profondità, il poeta e scrittore Vellucci per riportare alla luce sentimenti religiosi e popolari legati alle tradizioni e per descrivere i vari personaggi tipici della città. Capita leggendo i libri di sentire il profumo delle pettole, di vedere le carteddate e le “sannacchiudere” ben appoggiate sopra “o cascione” nella casa della nonna. Passeggiando per le strade s’incontra Marche Polle “ca camine chiane chiane trascenanne le cepòdde. Uè ‘na bbuste? Addummanne a tutte quante”; Don Cataldine “tazze e buttiglie”, Ciccio Cauro, Finanicchio ed altri personaggi che la fantasia dell’autore ha creato; per le strade si ascoltano quei suoni gutturali dei tanti venditori che si aggirano per la città proponendo la propria mercanzia. Quei suoni sono quelli de “na  vote”, quelli dei ricordi, che ritornano come per incanto. Le vie si animano al passaggio delle carrozze, i taxi di tanto tempo fa, e lungo queste strade acciottolate i bambini imparano e si divertono con i giochi appresi dai loro genitori:”Manuè zzozzò”, ‘A livoria”, “’U spezzidde”, ‘U turnijdde”, ‘U currucolo”, ‘U  zippere”, “’U palme”, “le Cinque petre”.

La strada è la casa di tutti e lì si materializzano anche le voci di mestieranti: ”il carbonaio”, “l’impagliaseggie”, “lo stagnino”, “il cestaio”, “L’aggiustapiatti e recipienti di terracotta”, “’O mola forbici”, ”’o Mbrellaro”. Dalle tante porte lasciate tutte aperte si odono le voci delle donne che, cucendo o ricamando,  parlano con la “comare” della porta accanto. Dalle case escono quegli odori di una cucina povera ma ricca di aromi particolari che stuzzicano l’appetito.

Come fare a descrivere tutto questo alla nuova generazione che vive in un altro mondo fatto di smartphone, Pc, o di notte nei pub o discoteche, sorseggiando un drink?

  • Come fare per riproporre quelle sensazioni che i ricordi infantili tendono ad enfatizzare ancora più?
  • Come fare per raccontare il silenzio di una città che poco per volta si sveglia al rumore degli zoccoli dei cavalli o al canto del gallo e che si anima con le modulazioni dei venditori ambulanti?
  • Come fare a descrivere il dolce suono di una serenata e di un canto che un innamorato faceva sotto la finestra della donna che amava.

Questo è “‘o tiempo de ‘na vote” che deve essere esposto nella sua semplicità, al pari di come si racconta una favola, poiché di una favola si tratta!
La storia di una generazione che sta scomparendo stritolata dall’avanzare di una tecnologia che consegna alle future generazioni, un mondo nuovo, in cui le favole non possono esistere più.
Chi ha la capacità ed il dono di scrivere e raccontare storie, tradizioni, poesie in dialetto deve farlo poiché sarà, il suo, un testamento ed un atto d’amore verso i nuovi cittadini.
Con l’allargamento dell’Europa e con la necessità di dover parlare un linguaggio comune, si corre il rischio di far scomparire, nel tempo, tante lingue, così com’è avvenuto con i dialetti. Per questo motivo, ogni nazione, in sede del parlamento europeo, almeno in parte, dovrebbe esprimersi, negli atti ufficiali, nella propria lingua ed in quella universalmente scelta, l’inglese.
La storia, che è anche fatta di tanti linguaggi non può essere cambiata con un colpo di spugna.

Michele Santoro

L’articolo O’ tiempo de ‘na vote sembra essere il primo su La Gazzetta della Val d'Agri.

Fonte: http://www.gazzettadellavaldagri.it/category/so/

Leggi l’articolo originale: O’ tiempo de ‘na vote

ln-logo

Open Day a Matera dell’agenzia di comunicazione Diotima e della casa editrice Altrimedia

diotima altrimedia

Sabato 16 dicembre 2017 dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 19.30 a Matera in via De Sariis 21 si svolgerà il primo Open Day promosso dall’agenzia di comunicazione Diotima e dalla casa editrice Altrimedia.

Una giornata all’insegna di storie, parole e nuovi linguaggi in un viaggio suggestivo che, per la prima volta, svelerà tutto ciò che è “dietro le quinte” di due realtà della città dei Sassi che hanno saputo farsi conoscere e apprezzare.

Diotima – “produrre e creare nel bello” dal capitolo XIV del Simposio di Platone in cui Socrate dialoga con Diotima – è un’agenzia di comunicazione dove le diverse e più attuali metodologie confluiscono per realizzare la comunicazione più adatta alle specifiche esigenze del cliente. Diotima fornisce tutto ciò che serve a un’azienda in termini di visibilità, immagine e reputazione.

Altrimedia è una piccola casa editrice con un progetto editoriale importante portato avanti, da sempre, con passione e con cura grazie alla sensibilità, alla passione e alla lungimiranza delle persone che in Altrimedia lavorano. Persone che hanno voglia di mettersi in gioco accogliendo nuove proposte, nuove sfide e utilizzando per un prodotto senza tempo – il libro – le nuove tecnologie.

Ogni pubblicazione è inserita in un percorso a 360 gradi: “Fare” un libro significa mettere in moto un processo che non si limita soltanto alla pubblicazione.

Nel corso degli anni Altrimedia ha saputo spaziare sul territorio nazionale accogliendo nel proprio catalogo autori non esclusivamente lucani e riuscendo a distribuire e diffondere i testi in tutte le regioni della Penisola.

L’Open Day sarà l’occasione per il debutto della nuova linea grafica Diotima.

diotima altrimedia

Fonte: http://www.sassilive.it/matera/cultura-e-spettacoli/

Leggi l’articolo originale: Open Day a Matera dell’agenzia di comunicazione Diotima e della casa editrice Altrimedia

ln-logo

Pagina 1 di 83112345Successivo ›Ultimo »