Basilicata. In Commissione via libera all’assestamento di bilancio del Consiglio

Passa a maggioranza la delibera dell’Ufficio di Presidenza “relativa all’approvazione della proposta di assestamento del bilancio di previsione finanziario per il triennio 2017/2019 del Consiglio regionale e alla riclassificazione di alcune voci del bilancio”. Ora il provvedimento passa ora all’esame dell’Aula per la definitiva approvazione.

Fonte: http://www.trmtv.it/

Leggi l’articolo originale: Basilicata. In Commissione via libera all’assestamento di bilancio del Consiglio

ln-logo

Melfi, rubinetti a secco in queste zone

Per consentire ad Acquedotto Pugliese l’esecuzione di un intervento di manutenzione straordinaria sul vettore primario, l’erogazione dell’acqua potabile sarà sospesa, a Melfi, dalle ore 11:00 di oggi alle ore 13:00 del giorno 16 dicembre, salvo imprevisti, nelle seguenti contrade: Madama Laura, Vaccareccia e Camarda e nella…

Fonte: http://www.melfilive.it/news/

Leggi l’articolo originale: Melfi, rubinetti a secco in queste zone

ln-logo

Pagato contributo alle associazioni venatorie annualità 2014

“Ammonta a 25 mila euro la somma liquidata e pagata, con determina dirigenziale, in favore delle Associazioni Venatorie riconosciute in ambito nazionale e organizzate a livello regionale, quale contributo per l’annualità 2014, in ragione del numero degli iscritti”. Lo comunica l’Assessore alle Politiche Agricole e Forestali, Luca Braia.
“Il contributo, finalizzato allo svolgimento di attività promozionale e di educazione ambientale nell’ambito della pratica venatoria, nonché di ogni altra iniziativa tesa all’efficace osservanza della Legge Regionale n. 8/2014, viene ripartito assegnando euro 4.471,83 ad Arcicaccia Comitato Regionale; euro 2.322,28 a Enalcaccia Sez. Prov. Potenza; euro 1.059,42 a Enalcaccia Sez. Prov. Matera; euro 4.222,32 a Italcaccia Comitato Regionale; euro 172,73 a ANUU Basilicata; euro 8.371,72 a Federcaccia Italiana della Caccia e euro 4.379,70 a Liberacaccia Comitato Regionale.”

L’articolo Pagato contributo alle associazioni venatorie annualità 2014 proviene da Oltre Free Press – Quotidiano di Notizie Gratuite.

Fonte: http://www.oltrefreepress.com/category/attualita/basilicata-attualita/

Leggi l’articolo originale: Pagato contributo alle associazioni venatorie annualità 2014

ln-logo

Vaccino Rotavirus, l'Asm batte i tempi della prevenzione

MATERA- La vaccinazione contro l’infezione da Rotavirus è disponibile anche in Basilicata. Nella nostra regione viene offerta gratuitamente – e in maniera attiva, cioè ricordata con una lettera inviata ai genitori – ai neonati a rischio, quali per esempio i pre-termine e i portatori di malattie croniche, e ai bambini che dovranno frequentare l’asilo nido. L’azienda Sanitaria di Matera ha tuttavia deciso – in modo autonomo e sperimentale – di offrirla gratuitamente e in modo attivo sin da ora a tutti i nuovi nati, come lo sarà dal 1° gennaio 2018.

Fonte: http://www.nuovadelsud.it/primo-piano.html

Leggi l’articolo originale: Vaccino Rotavirus, l'Asm batte i tempi della prevenzione

ln-logo

A Bella la prima aula 3.0 dell'Ic "Pagano"

BELLA – Dal riconoscimento della prima scuola lucana 2.0 alla dotazione di un’aula 3.0. Un percorso avviato in tempi non sospetti dall’allora dirigente scolastico Mario Coviello e che oggi si arricchisce di uno step ulteriore, utile per implementare i nuovi strumenti della formazione digitale. L’istituto comprensivo “Mario Pagano” di Bella scrive un’altra pagina storica. E lo fa in un momento particolare. A settembre ignoti si introdussero all’interno dell’edificio impossessandosi di 25 portatili. A distanza di due mesi e mezzo, nella giornata di lunedì, la dirigente scolastica Viviana Mangano ha eseguito il taglio del nastro insieme al Sottosegretario all’Istruzione Vito De Filippo della prima aula 3.0 del plesso scolastico bellese.

Fonte: http://www.nuovadelsud.it/potenza-e-provincia.html

Leggi l’articolo originale: A Bella la prima aula 3.0 dell'Ic "Pagano"

ln-logo

Zes Taranto-Matera: governatori e sindaci si muovano

MATERA- “Dopo l’approvazione del Dpcm sulle Zes, da parte della conferenza unificata Stato-Regione, ci rivolgiamo ai presidenti delle Regioni Puglia e Basilicata affinché si accelerino i tempi della redazione dei piani strategici, necessari affinché il governo italiano possa sottoporre la candidatura della Zes interregionale Taranto-Matera all’attenzione dell’Unione Europea. Invitiamo anche i sindaci, di Taranto e Matera a muoversi in tale direzione”. È questo l’appello lanciato dagli onorevoli Maria Antezza e Ludovico Vico durante la conferenza stampa tenutasi ieri mattina a Matera nella sede del Partito democratico, alla quale ha preso parte anche l’assessore regionale Luca Braia.

Fonte: http://www.nuovadelsud.it/primo-piano.html

Leggi l’articolo originale: Zes Taranto-Matera: governatori e sindaci si muovano

ln-logo

Rimasto chiuso nel cimitero, Di Carlo: una situazione che dura da anni

RIONERO- In qualità di vicepresidente nazionale di AssoMarmo, Associazione Nazionale dei Marmisti italiani, vi espongo un fatto accaduto nel cimitero di Rionero in Vulture il  giorno 6 dicembre 2017. Dopo aver terminato un lavoro in una cappella privata, sono rimasto chiuso nel detto sito assieme a mio padre che mi aveva raggiunto dopo aver fatto vista ai nostri cari.

Fonte: http://www.nuovadelsud.it/potenza-e-provincia.html

Leggi l’articolo originale: Rimasto chiuso nel cimitero, Di Carlo: una situazione che dura da anni

ln-logo

Bonus Giovani, basta la decontribuzione per creare lavoro

Accendiamo i riflettori sullo strumento, Bonus Giovani, presente nella Legge di bilancio 2018, attualmente in seconda lettura alla Camera.

In cosa consiste?

Si può utilizzare a partire dal 01 gennaio 2018 e consente agli imprenditori, che non abbiano effettuato licenziamenti nei sei mesi precedenti, di assumere giovani (fino a 35 anni nel 2018 e fino a 29 nel 2019) con contratti a tempo indeterminato, ottenendo uno sgravio contributivo del 50%. La decontribuzione è elevabile al 100% nel caso di assunzione (entro 6 mesi dall’acquisizione del titolo di studio) di giovani che abbiano svolto presso il medesimo datore di lavoro attività di alternanza scuola lavoro o periodi di apprendistato.

Nella medesima legge di bilancio, si prevede la possibilità, per i Programmi Operativi Nazionali cofinanziati dal Fondo sociale europeo e per i Programmi Operativi Complementari (nell’ambito specifici obiettivi previsti dalla relativa programmazione), di estendere il beneficio della riduzione al 100% dei contributi nel caso di assunzioni di giovani delle regioni meridionali, tra cui naturalmente la Basilicata.

È la soluzione?

Nel Mezzogiorno nel 2016 il tasso di disoccupazione nella fascia di età tra i 15 e i 29 anni è pari al 42,8%, 34,2% in Basilicata.

Tasso di disoccupazione 2016

Il Bonus Giovani potrebbe aiutare effettivamente le imprese o indurle ad assumere? L’opinione del mondo delle imprese è positiva: sono considerati strumenti che possono aiutare, nonostante da soli non sufficienti a risolvere le difficoltà delle imprese. E’ costoso per le imprese formare un neo diplomato o un neolaureato senza precedenti esperienze lavorative. Strumenti quali tirocini, stage, alternanza scuola – lavoro danno la possibilità di cominciare a conoscere e selezionare i giovani e consentono soprattutto di cominciare a prepararli. L’introduzione di un bonus che riduce il peso degli oneri previdenziali permette di completare il programma formativo senza gravare esclusivamente sull’impresa.

Il Rapporto Svimez 2017 sull’Economia del Mezzogiorno (Roma, 7 novembre 2017) conferma l’efficacia degli strumenti di decontribuzione sulla ripresa dell’occupazione. “Le imprese hanno assunto con contratti a tutele crescenti, beneficiando della decontribuzione, ma lo hanno fatto attraverso contratti part time”, determinando quindi l’aumento dei lavoratori a bassa contribuzione. Il Mezzogiorno resta, però, sotto il livello del 2008 ancora di circa 380 mila unità e, nel caso di giovani, di oltre un milione e 900 mila occupati.

Visto che il sistema delle imprese lucane difficilmente sarà, nonostante gli incentivi, in grado di assorbire tutti i potenziali lavoratori, a meno di produttive attrazione di investimenti, forse i giovani lucani dovrebbero cominciare a guardare oltre.

L’articolo Bonus Giovani, basta la decontribuzione per creare lavoro sembra essere il primo su BasilicataPost.it.

Fonte: http://www.basilicatapost.it/

Leggi l’articolo originale: Bonus Giovani, basta la decontribuzione per creare lavoro

ln-logo

Il mercato dei pneumatici auto nel 2017

Il 2017 nel settore pneumatici auto è stato caratterizzato da un aumento dei prezzi che ha riguardato la quasi totalità dei costruttori, senza che ciò però abbia inciso sulle vendite. L’incremento dei prezzi è stato diffuso a livello globale, coinvolgendo sia l’Europa che gli Stati Uniti. Analizzando nel dettaglio i numeri, si nota come nel corso del primo quadrimestre all’interno dell’Eurozona si sia verificato un aumento dei prezzi dei pneumatici compreso fra il 5% e il 9%,mentre negli Stati Uniti l’incremento è stato in media dell’8%. Nonostante ciò, le quantità di gomme auto stoccate nei magazzini delle varie case costruttrici sono rimaste sostanzialmente simili, segnale che la richiesta non è mutata. Gli acquisti si sono mantenuti in linea sia presso i rivenditori tradizionali che sul web, tramite store online specializzati come quello di proprietà di Gomme Auto Srl (gomme-auto.it). L’unica flessione è stata registrata per i pneumatici cinesi, il cui cavallo di battaglia sono proprio i prezzi bassi: gli aumenti – che hanno interessato pure le aziende del “Paese del Dragone” – agli occhi di chi compera hanno fatto perdere un certo appeal ai prodotti. Da parte dei produttori c’era la convinzione che tali aumenti, nel complesso non esagerati, non avrebbero inciso negativamente sulle vendite e così è stato; e infatti, prendendo come riferimento gli Stati Uniti, nell’arco dei primi due quadrimestri del 2017 si è verificato un lieve incremento degli acquisti, compreso fra il 3% e il 6%. Differente è, al momento, la situazione della Gran Bretagna, che nel corso del 2017 ha iniziato a fare i conti con gli effetti della Brexit: qui si è registrata una diminuzione delle vendite, dovuta non esclusivamente al rialzo dei prezzi ma alla combinazione di questo fattore con la svalutazione della sterlina (conseguenza dello “sganciamento” della moneta britannica dall’euro) e con l’aumento dei costi relativi alle materie prime, che ha portato in media il rincaro sul prezzo dei pneumatici a superare il 20%, in alcuni casi avvicinandosi addirittura al 30%, scoraggiando oltremodo gli automobilisti della terra di Albione, decisamente più penalizzati in confronto a quelli europei e americani. L’incremento dei prezzi è stato uniforme fra i diversi produttori di pneumatici, che hanno seguito “l’esempio” di Goodyear, la prima azienda ad applicare le maggiorazioni sui suoi prodotti per l’anno 2017, rompendo una “consuetudine” che aveva visto negli scorsi anni Michelin arrivare per prima ad aumentare i prezzi di vendita delle proprie gomme.

 

Il “caso” Cina

I prezzi contenuti sono l’elemento distintivo dei prodotti che arrivano dalla Cina, tuttavia nel 2017 si è assistito ad un incrementoinsolito” del listino prezzi: secondo alcuni analisti buona parte dei pneumatici provenienti dal Paese asiatico ha subito rincari in media superiori al 20%, secondo altri addirittura del 50%. Come è stato possibile vista la politica sempre molto attenta al contenimento dei prezzi da parte dei produttori cinesi? La spiegazione del “caso” Cina non è così immediata: l’aumento è dovuto alle maggiorazioni imposte sui costi delle materie prime; fin qui sembrerebbe una logica conseguenza, ma le fonti delle materie prime dei produttori cinesi non sono diverse da quelle dei produttori europei e americani, dunque perché questa consistente differenza nell’incremento percentuale dei prezzi? In sostanza le aziende di punta possono godere di contratti lunghi che prevedono costi bloccati, fattore sul quale non possono fare affidamento le aziende cinesi. Mantenere contingentati i costi delle materie prime significa limitare gli aumenti dei prezzi, ma nel momento in cui i contratti attuali scadranno, pure i costruttori di gommepremium” saranno costretti ad applicare rincari più sostanziosi, riequilibrando la situazione con i produttori cinesi attualmente in condizione di svantaggio da questo punto di vista.

 

Come si sono comportati gli automobilisti

Osservando i dati relativi alla vendita di pneumatici nel 2017 per quanto concerne l’Eurozona, non si notano effetti particolari dovuto all’aumento dei prezzi, anzi, il comportamento degli automobilisti è stato tutto sommato “lineare” rispettando quelle che erano le previsioni formulate dai produttori ad inizio anno e ciò ha contribuito a garantire una certa stabilità. Nell’arco del primo quadrimestre si è assistito ad un lieve calo, che si potrebbe definire fisiologico, con una riduzione degli ordini limitata. Il calo più evidente ha riguardato i pneumatici di dimensione più piccola – quelli da 15 pollici – che hanno fatto segnare un -3%, mentre per quelli di dimensioni maggiori la contrazione in termini di vendite è stata inferiore. Già nel secondo quadrimestre, però, il mercato dei pneumatici è tornato a far segnare numeri positivi, con un incremento medio compreso fra il 2% e il 5% e con tutta probabilità la tendenza sarà confermata anche nel terzo quadrimestre che si concluderà a fine dicembre. Resta da vedere quanto sarà “consistente” il segno più in fatto di percentuali rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Ad incidere sulla crescita degli ordini nonostante l’aumento dei prezzi sono stati in primis il miglioramento della situazione economica in Europa negli ultimi anni e in seconda battuta l’andamento del mercato delle automobili, anch’esso in ripresa da qualche anno a questa parte. Ciò significa che i tanti automobilisti che hanno avuto l’opportunità di acquistare un’auto nuova negli anni scorsi si sono ritrovati nel 2017 con la necessità di sostituire i propri pneumatici, andando ad “ingrossare” le fila di chi ha comprato nuove gomme per la propria vettura nel corso dei primi due quadrimestri di quest’anno. Nel complesso, dunque, il mercato dei pneumatici nel 2017 è stato all’insegna della stabilità e di ciò ne hanno potuto beneficiare in primo luogo i produttori, che dopo anni caratterizzati della diminuzione dei prezzi hanno potuto incrementare i margini di profitto grazie al rincaro, seppur limitato a pochi punti percentuali nella gran parte dei casi. Ad ogni modo, per un bilancio definitivo bisognerà attendere la conclusione dell’anno in corso, per conoscere con precisione e nel dettaglio i dati inerenti alle vendite e avere così una panoramica accurata della situazione, che permetterà fra le altre cose di cominciare a fare delle previsioni per il 2018 ormai quasi alle porte: le convergenze positive di quest’anno si estenderanno anche al prossimo, mantenendo in positivo i numeri, oppure ci si troverà a dover fare i conti con un trend negativo, con i produttori “costretti” a pagare nei prossimi mesi il prezzo dei rincari introdotti quest’anno?

L’articolo Il mercato dei pneumatici auto nel 2017 proviene da Oltre Free Press – Quotidiano di Notizie Gratuite.

Fonte: http://www.oltrefreepress.com/category/attualita/basilicata-attualita/

Leggi l’articolo originale: Il mercato dei pneumatici auto nel 2017

ln-logo

Pagina 1 di 344112345Successivo ›Ultimo »